Visita guidata a Palazzo Montecitorio per le scuole

La storia di Palazzo Montecitorio inizia nel 1653, quando papa Innocenzo X Pamphili commissiona a Gian Lorenzo Bernini la costruzione di una lussuosa residenza per i Ludovisi. Il nome del palazzo deriva probabilmente dal fatto che in questa zona del Campo Marzio (antica Regio IX Augustea) nel corso del Medioevo venivano scaricati i materiali di risulta prodotti dalle demolizioni e dai saccheggi degli edifici romani (Mons Gittorius oppure Mons Acceptorius) generando un piccolo rialzo nel terreno ancora oggi percepibile.

La facciata berniniana del palazzo, costituita da una poligonale di cinque segmenti che sottolinea l’andamento curvilineo della antica strada antistante, con elementi angolari di travertino appena sbozzati ed ornamenti vegetali, simula un edificio come se fosse realizzato in un banco roccioso naturale.I lavori subirono un improvviso stallo alla morte del Principe Niccolò Ludovisi nel 1664, e vennero ripresi circa 20 anni dopo dall’architetto Carlo Fontana, che persuase Innocenzo XII a insediarvi due importanti sedi amministrative dello Stato della Chiesa: la Curia Pontificia ovvero il Tribunale più importante (poi ribattezzato Curia Innocenziana) e gli uffici delle imposte e dei dazi.

Successivamente, l’architetto Carlo Fontana mantenne la tipica facciata poligonale convessa aggiungendovi il campanile ma variò il progetto della fronte, inserendovi due porte laterali. Il Tribunale, una volta terminato, fu inaugurato solo nel 1696. Il palazzo fu anche sede del Governatorato di Roma e della Polizia Pontificia, rivestendo così un ruolo importante nella vita giudiziaria e amministrativa della città.

Dopo il periodo risorgimentale, Palazzo Montecitorio fu acquisito dal Regno d’Italia e destinato a accogliere la Camera dei Deputati. L’onore di progettare la grande aula per l’assemblea fu concesso a un semi sconosciuto ingegnere, Paolo Comotto, che realizzò un’aula scarsamente funzionale, con pessima acustica, gelida in inverno e torrida in estate. A causa di infiltrazioni d’acqua fu dichiarata pericolante e quindi chiusa nel 1900. Nuovi lavori nel palazzo furono affidati all’architetto Ernesto Basile, rappresentante del periodo liberty dell’arte italiana, che eseguì ottimi interventi costruendo una nuova ala alle spalle dell’edificio originale, riducendo il cortile interno e riprogettando l’aula delle assemblee, illuminata da un magnifico lucernario a ventaglio in stile liberty, il celebre Velario.

Sotto il Velario in vetro policromo fu dipinto un fregio che circonda tutta la parte alta dell’aula: l’autore Aristide Sartorio dedicò il tema alla “storia del popolo italiano”.

All’architetto Basile si attribuisce anche il magnifico salone detto “il Transatlantico”, luogo cardine della vita politica italiana, impreziosito da un pavimento in diaspro di Sicilia. Il Transatlantico deriva la sua originale denominazione dall’arredo caratteristico delle grandi navi per la navigazione oceanica degli inizi ‘900.

Visite scolastiche:
Per ogni anno scolastico è prevista una sola visita per ciascun Istituto.

Le visite possono essere effettuate a partire dalle classi V della scuola primaria.

Il gruppo dei partecipanti alla visita non può superare i quaranta studenti, più due docenti.

Le visite si effettuano nelle giornate di lunedì e venerdì ogni ora, dalle 9 alle 12 ed hanno la durata di un’ora circa.

I gruppi devono tenere un comportamento consono al rispetto dell’istituzione parlamentare. Gli studenti di sesso maschile che hanno superato la maggiore età devono indossare la giacca. Durante il percorso di visita gli Assistenti parlamentari illustrano i principali aspetti storici, artistici ed istituzionali del Palazzo.

    Tutti i prezzi, se non dettagliatamente specificato, sono comprensivi di diritti di prenotazione e commissioni di agenzia.

    Piazza di Monte Citorio

    Chiedi disponibilità

    Condividi "Visita guidata a Palazzo Montecitorio per le scuole"

    Ti suggeriamo anche:

    Torna in alto

    Avviso importante

    A seguito del primo periodo di adattamento alle novità e ai cambiamenti in vigore dal 1° gennaio, a fronte delle problematiche rilevate in questo primo periodo, si reiterano alcune disposizioni su cui, così come per tutte le altre, non sarà possibile applicare alcuna flessibilità.
    Ferme restando tutte le disposizioni precedenti, si ricorda in particolare che:
    1.Il biglietto di ingresso è valido solamente per il giorno e per l’orario indicato al momento dell’acquisto. Esso non è rimborsabile o modificabile.
    2.Il biglietto di ingresso acquistato online sarà nominativo. Per ogni titolo di ingresso acquistato sarà inviato un biglietto elettronico, valido per il passaggio ai tornelli senza necessità di cambio alle casse.
    3.Il giorno della visita, prima di entrare ai Musei Vaticani (ingresso da Viale Vaticano), ciascun visitatore dovrà presentare individualmente al personale di custodia in servizio al corridoio di ingresso, il proprio biglietto, in formato elettronico (formato PDF) o cartaceo insieme ad un documento di identità in corso di validità per l’opportuna verifica del nominativo. Il biglietto dovrà essere integro; non saranno quindi accettati biglietti elettronici o cartacei privi di una qualsiasi parte, anche minima, tagliati, o con parti cancellate o con eventuali aggiunte. Non verrà altresì accettato il solo codice a barre o codice QR privo del resto del biglietto.
    4.Tale biglietto dovrà essere validato individualmente da ciascun visitatore ai tornelli di ingresso. Non saranno accettate validazioni collettive o di gruppo.
    5.Il biglietto acquistato a tariffa ridotta, senza adeguato titolo giustificativo, sarà annullato e sarà necessario, ai fini dell’accesso, provvedere all’acquisto di un nuovo titolo a tariffa intera.
    6.Per le particolarità di gestione delle seguenti tipologie di visite, acquistabili dal nostro sito, permane l’invio del voucher con necessità di cambio in biglietto presso gli sportelli dedicati:
    o Visite guidate organizzate dai Musei Vaticani.
    o Visite didattiche.
    o Pellegrinaggi.
    o Visite di università.
    7.Si rinnova a tutti l’invito a rispettare scrupolosamente l’orario di ingresso e le modalità di accesso, con particolare attenzione al corridoio assegnato per tipologia di biglietto.
    8.In caso di acquisto di servizi aggiuntivi, il barcode relativo a tutti i servizi sarà presente su ciascun biglietto elettronico acquistato nell’ambito della stessa prenotazione. La validazione di uno dei barcode conferma l’utilizzo dei servizi acquistati nella loro totalità.

    Scopri come possiamo aiutarti a pianificare la tua vacanza a Roma

    Contattaci!

    Info servizi ed eventi per gruppi

    Richiesta informazioni sui nostri corsi

    Richiesta informazioni sui banner scuole