Le Domus Romane di Palazzo Valentini

Immergiti nel cuore dell’antica Roma

Nei sotterranei di Palazzo Valentini sono stati portati alla luce a partire dal 2005 i resti di due grandi residenze di epoca imperiale e di un tempio enorme, situato  accanto alla Colonna Traiana. Si ritiene che il tempio sia stato dedicato da  Adriano  a Traiano e Plotina Divi, ossia defunti e divinizzati.

La multimedialità ha ridato vita ai resti archeologici. Il visitatore potrà esplorare la Roma di 2000 anni fa, grazie alla ricostruzione multimediale delle parti mancanti degli edifici, guidato dalla voce di Piero Angela.

Scopri questo straordinario luogo al centro di Roma
Le Domus Romane di Palazzo Valentini sono collocate proprio nel centro storico di Roma, in via Foro Traiano 84.
L’audioguida della visita è in italiano, francese, inglese, tedesco, spagnolo, una parte anche in giapponese e russo, permettendo a tutti di fruire dell’esperienza multimediale.

ORARI DI APERTURA:
Orario in vigore fino al 4 marzo 2024
Tutti i giorni
10.00- 17.00 (ultima visita parte alle 16.00, la biglietteria e il bookshop chiudono alle 17.00)
Martedì Chiuso
Il percorso è disponibile in cinque lingue (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo). Una parte percorso è disponibile anche in giapponese e russo.

Fasce orarie di ingresso e tipologia visita
Percorso Domus + Colonna Traiana (durata 1h 30min)
Lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì
10:00, 11:00, 12:00
Sabato domenica e festivi
10:00, 16:00

Percorso Domus (durata 1h)
Lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì
13:00, 13:30, 14:00, 14:30, 15:00, 15:30, 16:00
Sabato domenica e festivi
11:00, 11:30, 12:00, 12:30, 13:00, 13.30, 14.00, 14.30, 15.00, 15.30

Si consiglia di presentarsi in biglietteria 15 minuti prima dell’inizio della visita.

Un affascinante percorso sotterraneo nella Roma dell’età imperiale, vero e proprio centro nevralgico della vita culturale e politica dell’Urbe.

Davanti al Foro di Traiano, durante i lavori di scavo e riqualificazione del 2005, tra i cinque e i sette metri al di sotto del cinquecentesco Palazzo Valentini, viene alla luce una straordinaria zona archeologica costituita da due dimore patrizie risalenti al IV secolo d.C., dotate di un’area termale privata e appartenenti a influenti famiglie dell’epoca.

Attraverso l’accurata ricostruzione multimediale e alla computer grafica curate da Piero Angela, Paco Lanciano e da un’équipe di tecnici ed esperti, dal 2007 potete rivivere la magnificenza delle Domus appartenute alle nobili famiglie romane che vi avevano stabilito la propria residenza. Le strutture murarie, gli ambienti, le terme, le decorazioni e gli arredi, rinascono e vi accompagnano in un suggestivo viaggio virtuale all’interno della Roma imperiale.

L’installazione di una pavimentazione trasparente vi permette, inoltre, di camminare come sospesi su questo straordinario sito e, attraverso giochi di lucericostruzioni virtualieffetti grafici e filmati, ne potete ammirare gli ambienti immergendovi completamente nell’atmosfera dell’antica Roma.

La visita inizia dal complesso termale delle Piccole Terme di Traiano, nella cui piscina centrale i padroni di casa potevano rilassarsi dopo la palestra. Le piscine erano dotate di impianto idrico privato, un lusso che solo i cittadini più abbienti potevano permettersi. Si prosegue entrando nel laconicum, una sauna in cui la temperatura raggiungeva i 50 gradi, grazie a una fornace alimentata dalla legna bruciata dagli schiavi. Le altre vasche delle terme: il calidarium, il tepidarium e il frigidarium, erano utilizzati per adattare il corpo ai diversi livelli di calore. Nel frigidarium è stata rinvenuta la testa marmorea della dea Minerva risalente al I secolo d.C. che costituiva già un’antichità per l’epoca.

Dalle terme si accede direttamente alla casa patrizia e in uno dei suoi salotti la cui pavimentazione e le pareti sono rivestite di pregiati marmi policromi.

Nel corso dei secoli, l’aspetto originario delle sale è stato modificato da muri medievali e rinascimentali che, comunque, consentono di ricostruire un importante tassello della topografia antica di questa zona. L’area delle terme private, inoltre, era piena di detriti dovuti al crollo del piano superiore, dovuto forse a un terremoto avvenuto nel 538 d.C. Sono presenti, infatti, delle fratture orizzontali nelle lastre marmoree e delle tracce di un incendio scatenatosi probabilmente dopo il sisma.

Dalla rimozione dei detriti utilizzati per riempire il terreno prima della costruzione di Palazzo Valentini è emersa una porzione di strada romana in basolato del I secolo d.C. composta da grandi blocchi di pietra spessi 30 centimetri e del peso variabile tra i 50 e i 300 kg. Nella stessa area sono state rinvenute anche due statue. Una scala monumentale portava al piano superiore della domus dove si trovavano delle camere da letto di dimensioni piuttosto contenute. Le domus erano dotate anche di una biblioteca per lo studio e la lettura dei papiri, nonché di una grande cucina.

Il salone della seconda domus presenta uno straordinario pavimento a mosaico con disegni geometrici e floreali, in seguito tagliato in due dal muro cinquecentesco del palazzo. Per realizzarlo ci sono volute circa mezzo milione di tessere e centinaia di migliaia di tasselli. Un altro mosaico si trova nella stanza adiacente che probabilmente esibiva un colonnato che si apriva verso giardini della casa.

Il materiale di risulta degli scavi è organizzato in una piccola esposizione museale e contribuisce a tracciare usi e costumi delle varie epoche attraversate dall’edificio.

Il percorso di visita culmina in un grande plastico ricostruttivo dell’area in età romana e delle fasi attraversate da Palazzo Valentini, grazie al quale potete immergervi nel contesto urbano dell’epoca con le sue stratificazioni storiche.

Per rilanciare le Domus di Palazzo Valentini, e per rendere ancora più emozionante e coinvolgente l’esperienza di visita, nel 2023, il sistema tecnologico di supporto alla narrazione multimediale è stato completamente rinnovato con l’introduzione di sistemi di video proiezione di nuova generazione e ad altissima definizione.

Anche il sistema di diffusione audio, fondamentale per vivere al meglio la visita alle Domus, è stato totalmente ristrutturato con l’aggiunta dell’ascolto individuale per mezzo di cuffie esclusive grazie a cui potete godere un’esperienza immersiva memorabile con commento e colonna sonora in alta qualità.

Il nuovo sistema di diffusione audio, inoltre, consente la fruizione multilingua che, nella versione italiana è narrata da Piero Angela, mentre nelle altre lingue  ̶  francese, inglese, tedesco e spagnolo  ̶  il testo è tradotto e interpretato da doppiatori professionisti.

Il potenziamento del progetto multimediale comprende anche la realizzazione di un sito web accessibile per le persone con difficolta uditive visive, cognitive e motorie.

    Tutti i prezzi, se non dettagliatamente specificato, sono al netto di diritti di prenotazione e commissioni di agenzia.

    20

    Via Foro Traiano 84

    Chiedi disponibilità

    Condividi "Le Domus Romane di Palazzo Valentini"

    Ti suggeriamo anche:

    Torna in alto

    Numerose disponibilità di strutture in hotels, case per ferie e case religiose a prezzi estremamente competitivi per tutto l'anno.

    Contattateci!

    Avviso importante

    A seguito del primo periodo di adattamento alle novità e ai cambiamenti in vigore dal 1° gennaio, a fronte delle problematiche rilevate in questo primo periodo, si reiterano alcune disposizioni su cui, così come per tutte le altre, non sarà possibile applicare alcuna flessibilità.
    Ferme restando tutte le disposizioni precedenti, si ricorda in particolare che:
    1.Il biglietto di ingresso è valido solamente per il giorno e per l’orario indicato al momento dell’acquisto. Esso non è rimborsabile o modificabile.
    2.Il biglietto di ingresso acquistato online sarà nominativo. Per ogni titolo di ingresso acquistato sarà inviato un biglietto elettronico, valido per il passaggio ai tornelli senza necessità di cambio alle casse.
    3.Il giorno della visita, prima di entrare ai Musei Vaticani (ingresso da Viale Vaticano), ciascun visitatore dovrà presentare individualmente al personale di custodia in servizio al corridoio di ingresso, il proprio biglietto, in formato elettronico (formato PDF) o cartaceo insieme ad un documento di identità in corso di validità per l’opportuna verifica del nominativo. Il biglietto dovrà essere integro; non saranno quindi accettati biglietti elettronici o cartacei privi di una qualsiasi parte, anche minima, tagliati, o con parti cancellate o con eventuali aggiunte. Non verrà altresì accettato il solo codice a barre o codice QR privo del resto del biglietto.
    4.Tale biglietto dovrà essere validato individualmente da ciascun visitatore ai tornelli di ingresso. Non saranno accettate validazioni collettive o di gruppo.
    5.Il biglietto acquistato a tariffa ridotta, senza adeguato titolo giustificativo, sarà annullato e sarà necessario, ai fini dell’accesso, provvedere all’acquisto di un nuovo titolo a tariffa intera.
    6.Per le particolarità di gestione delle seguenti tipologie di visite, acquistabili dal nostro sito, permane l’invio del voucher con necessità di cambio in biglietto presso gli sportelli dedicati:
    o Visite guidate organizzate dai Musei Vaticani.
    o Visite didattiche.
    o Pellegrinaggi.
    o Visite di università.
    7.Si rinnova a tutti l’invito a rispettare scrupolosamente l’orario di ingresso e le modalità di accesso, con particolare attenzione al corridoio assegnato per tipologia di biglietto.
    8.In caso di acquisto di servizi aggiuntivi, il barcode relativo a tutti i servizi sarà presente su ciascun biglietto elettronico acquistato nell’ambito della stessa prenotazione. La validazione di uno dei barcode conferma l’utilizzo dei servizi acquistati nella loro totalità.

    Scopri come possiamo aiutarti a pianificare la tua vacanza a Roma

    Contattaci!

    Info servizi ed eventi per gruppi

    Richiesta informazioni sui nostri corsi

    Richiesta informazioni sui banner scuole