Ginger – Corte Laica

Si potrebbe pensare che a Roma, in questi giorni di caldo eccezionale alle porte di agosto, il calendario delle aperture interessanti sia destinato a rallentare. E invece proprio no. Ve ne abbiamo dato conto diverse volte, raccontando l’inaugurazione di gelaterie, ristoranti, gastronomie e hotel con grandi tavole sul punto di schiudere le porte. Attività molto diverse tra loro, certo, ma con un comune denominatore: hanno scelto il pieno centro storico per intercettare un flusso di visitatori in costante crescita e convincere — ci si augura — anche i romani a tornare a vivere davvero queste zone iper centrali e destinate al turismo o alla politica. Il 19 luglio 2023 è arrivato anche il terzo locale di Ginger, gruppo di ristoranti di cucina salutare e sostenibile, che oltre ad allargare la proposta con un paio di novità ha anche il merito di restituire uno spazio chiuso da vent’anni: la “Corte Laica” di Palazzo Raggi, edifico settecentesco affacciato tra Via del Corso e Piazza San Silvestro (dove dovrebbero partire i cantieri dell’hotel Fours Seasons tra l’altro).Le due precedenti sedi di Ginger (sottotitolo: Sapori e Salute) non godono di location meno prestigiose. Nel 2017 la famiglia Asara ha aperto la prima in Via Borgognona, a un passo da Piazza di Spagna, per aggiungere due anni dopo quella di Piazza Sant’Eustachio, nei pressi del Pantheon. Dall’azienda agricola di proprietà nell’avellinese, Le Mesciare, arrivano alcune delle materie prime e dei vini lavorati in cucina e serviti a tavola. Gli chef Carlo Ruta e Sharon Landersz li traducono in menu all’80% vegetali, completati da scelte crudiste e sempre bilanciate nei nutrienti. La formula copre tutta la giornata, dalla colazione al dopocena, con i fornitori attenti alla sostenibilità e una prevalenza di prodotti biologici.È stata la famiglia genovese Raggi, trasferirai a Roma, a edificare nel XVIII secolo il complesso monumentale che copre l’intero isolato tra Via del Corso, Via della Vite, Via del Gambero e Via delle Convertite. Le botteghe al piano terra vennero assegnate fino agli anni ’20 del ‘900 a botteghe artigiane, e il palazzo ha ospitato fino al 2001 uffici, archivi e il centro elettronico della Camera dei Deputati.In cucina, anche in questa sede, c’è l’executive chef Landersz, che per il soft-opening che durerà tutta l’estate (prima di entrare a regime a settembre) si occupa di pranzo, aperitivo e cena, senza tradire lo stile Ginger. Tra gli antipasti, ad esempio, ci sono hummus alla rapa rossa (13€), uovo poché con farinata di farro (13€) e tartare di cernia (16€). Classici romani tra i primi (rigatoni all’amatriciana, 15€), ma anche poke di tonno (18€) e bowl con manioca al vapore, quinoa, tartufo e cipollotti sott’aceto (18€). Poi una bella carta di burger, a base di manzo, polpo, o varianti vegane (17-21€), come anche proposte alla griglia.Di pomeriggio la merenda è a base di taglieri di salumi e formaggi, insalate, macedonie miste e centrifugati e infine, di sera, due belle novità: la pizza (e i fritti) e il cocktail bar, affidati rispettivamente al pizzaiolo Ciro De Vincenzo e al mixologist Luca Dante.

Via del Corso, 173, 00187 Roma RM

Zona: Centro

Chiedi disponibilità

Condividi

Ti suggeriamo anche:

Torna in alto

Numerose disponibilità di strutture in hotels, case per ferie e case religiose a prezzi estremamente competitivi per tutto l'anno.

Contattateci!

Avviso importante

A seguito del primo periodo di adattamento alle novità e ai cambiamenti in vigore dal 1° gennaio, a fronte delle problematiche rilevate in questo primo periodo, si reiterano alcune disposizioni su cui, così come per tutte le altre, non sarà possibile applicare alcuna flessibilità.
Ferme restando tutte le disposizioni precedenti, si ricorda in particolare che:
1.Il biglietto di ingresso è valido solamente per il giorno e per l’orario indicato al momento dell’acquisto. Esso non è rimborsabile o modificabile.
2.Il biglietto di ingresso acquistato online sarà nominativo. Per ogni titolo di ingresso acquistato sarà inviato un biglietto elettronico, valido per il passaggio ai tornelli senza necessità di cambio alle casse.
3.Il giorno della visita, prima di entrare ai Musei Vaticani (ingresso da Viale Vaticano), ciascun visitatore dovrà presentare individualmente al personale di custodia in servizio al corridoio di ingresso, il proprio biglietto, in formato elettronico (formato PDF) o cartaceo insieme ad un documento di identità in corso di validità per l’opportuna verifica del nominativo. Il biglietto dovrà essere integro; non saranno quindi accettati biglietti elettronici o cartacei privi di una qualsiasi parte, anche minima, tagliati, o con parti cancellate o con eventuali aggiunte. Non verrà altresì accettato il solo codice a barre o codice QR privo del resto del biglietto.
4.Tale biglietto dovrà essere validato individualmente da ciascun visitatore ai tornelli di ingresso. Non saranno accettate validazioni collettive o di gruppo.
5.Il biglietto acquistato a tariffa ridotta, senza adeguato titolo giustificativo, sarà annullato e sarà necessario, ai fini dell’accesso, provvedere all’acquisto di un nuovo titolo a tariffa intera.
6.Per le particolarità di gestione delle seguenti tipologie di visite, acquistabili dal nostro sito, permane l’invio del voucher con necessità di cambio in biglietto presso gli sportelli dedicati:
o Visite guidate organizzate dai Musei Vaticani.
o Visite didattiche.
o Pellegrinaggi.
o Visite di università.
7.Si rinnova a tutti l’invito a rispettare scrupolosamente l’orario di ingresso e le modalità di accesso, con particolare attenzione al corridoio assegnato per tipologia di biglietto.
8.In caso di acquisto di servizi aggiuntivi, il barcode relativo a tutti i servizi sarà presente su ciascun biglietto elettronico acquistato nell’ambito della stessa prenotazione. La validazione di uno dei barcode conferma l’utilizzo dei servizi acquistati nella loro totalità.

Scopri come possiamo aiutarti a pianificare la tua vacanza a Roma

Contattaci!

Info servizi ed eventi per gruppi

Richiesta informazioni sui nostri corsi

Richiesta informazioni sui banner scuole