Mausoleo di Cecilia Metella

Tomba di Cecilia Metella

Un pò di storia sulla Tomba di Cecilia Metella

Questo monumento venne costruito durante l’impero di Augusto in onore di Cecilia Metella, figlia di un console romano. E’ un mausoleo circolare sorto su una base quadrata, simile a quello dello stesso Augusto, soltanto più piccolo e decorato nella parte superiore da un fregio di marmo con festoni e teste di bue. La presenza di questi rilievi prende il nome di “Capo di Bove” con cui l’area era conosciuta nel Medioevo. Nella entrata si trova un’iscrizione con il nome Cecilia Metella la proprietaria del sepolcro.

Questo antico luogo di sepoltura romana apparteneva alla nobiltà ed era legato a due importanti famiglie romane dell’era repubblicana sia per matrimonio che per nascita e occupavano importanti posizioni pubbliche: suo padre, il quinto Cecilio Metella e suo marito, figlio di Crasso. Il mausoleo è databile alla fine del I secolo a.C., ma è molto probabile che sia stato utilizzato almeno fino al II secolo d.C.

Nel 1303 venne incorporato nel Castrum Caetani e divenne la torre principale di quella fortificazione.
Il palazzo signorile del castrum conserva ancora le caratteristiche di una residenza medioevale come segno del potere della famiglia di papa Bonifacio VIII. La tomba e il castello sono un interessante esempio dei materiali e delle tecniche di costruzione adottati nell’antichità e nel Medioevo e ora è possibile visitare il piano dell’ipogeo.

Cosa è oggi la Tomba di Cecilia Metella?

Passeggiando per la tradizionale Appia, troviamo la Tomba di Cecilia Metella esattamente nel luogo dove morì la ribellione di Spartaco. Questo è un imponente monumento molto caratteristico di questa strada, è stato costruito in onore di Cecilia Metella, figlia del console Quinto Cecilio Metella che ha conquistato Creta sconfiggendo i pirati del Mediterraneo.

Curiosità sulla Tomba di Cecilia Metella

Sapevi che la Tomba di Cecilia Metella ha una forma circolare con un diametro di 29,5 metri di lunghezza e 11 metri di altezza? Si trova sulla strada che collegava Roma a Napoli ed è stata costruita tra il 312 e il 310 aC sotto la guida di Appio Claudio il Censore.

Sapevi che nel IX secolo questo antico monumento era di proprietà della Chiesa? Sebbene questo, molto presto diviene presto oggetto delle mire di molte famiglie romane per la sua eccezionale posizione strategica.

Perché visitare la Tomba di Cecilia Metella?

Perché questo mausoleo è stato il più importante nel Medioevo quando papa Bonifacio VIII lo dona alla sua stessa famiglia, la famiglia Caetano, che ha usato l’edificio includendolo nel suo castello come torre di difesa e sorveglianza per controllare il passaggio dei commercianti e così raccogliere le tasse.

Tutti i prezzi, se non dettagliatamente specificato, sono al netto di diritti di prenotazione e commissioni di agenzia.

20

Via Appia Antica, 161

Chiedi disponibilità

Condividi

Ti suggeriamo anche:

Torna in alto

Numerose disponibilità di strutture in hotels, case per ferie e case religiose a prezzi estremamente competitivi per tutto l'anno.

Contattateci!

Avviso importante

A seguito del primo periodo di adattamento alle novità e ai cambiamenti in vigore dal 1° gennaio, a fronte delle problematiche rilevate in questo primo periodo, si reiterano alcune disposizioni su cui, così come per tutte le altre, non sarà possibile applicare alcuna flessibilità.
Ferme restando tutte le disposizioni precedenti, si ricorda in particolare che:
1.Il biglietto di ingresso è valido solamente per il giorno e per l’orario indicato al momento dell’acquisto. Esso non è rimborsabile o modificabile.
2.Il biglietto di ingresso acquistato online sarà nominativo. Per ogni titolo di ingresso acquistato sarà inviato un biglietto elettronico, valido per il passaggio ai tornelli senza necessità di cambio alle casse.
3.Il giorno della visita, prima di entrare ai Musei Vaticani (ingresso da Viale Vaticano), ciascun visitatore dovrà presentare individualmente al personale di custodia in servizio al corridoio di ingresso, il proprio biglietto, in formato elettronico (formato PDF) o cartaceo insieme ad un documento di identità in corso di validità per l’opportuna verifica del nominativo. Il biglietto dovrà essere integro; non saranno quindi accettati biglietti elettronici o cartacei privi di una qualsiasi parte, anche minima, tagliati, o con parti cancellate o con eventuali aggiunte. Non verrà altresì accettato il solo codice a barre o codice QR privo del resto del biglietto.
4.Tale biglietto dovrà essere validato individualmente da ciascun visitatore ai tornelli di ingresso. Non saranno accettate validazioni collettive o di gruppo.
5.Il biglietto acquistato a tariffa ridotta, senza adeguato titolo giustificativo, sarà annullato e sarà necessario, ai fini dell’accesso, provvedere all’acquisto di un nuovo titolo a tariffa intera.
6.Per le particolarità di gestione delle seguenti tipologie di visite, acquistabili dal nostro sito, permane l’invio del voucher con necessità di cambio in biglietto presso gli sportelli dedicati:
o Visite guidate organizzate dai Musei Vaticani.
o Visite didattiche.
o Pellegrinaggi.
o Visite di università.
7.Si rinnova a tutti l’invito a rispettare scrupolosamente l’orario di ingresso e le modalità di accesso, con particolare attenzione al corridoio assegnato per tipologia di biglietto.
8.In caso di acquisto di servizi aggiuntivi, il barcode relativo a tutti i servizi sarà presente su ciascun biglietto elettronico acquistato nell’ambito della stessa prenotazione. La validazione di uno dei barcode conferma l’utilizzo dei servizi acquistati nella loro totalità.

Scopri come possiamo aiutarti a pianificare la tua vacanza a Roma

Contattaci!

Info servizi ed eventi per gruppi

Richiesta informazioni sui nostri corsi

Richiesta informazioni sui banner scuole