Dacia. L’ultima frontiera della Romanità

Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, Viale Enrico de Nicola, Roma, RM, Italia

C’è il Serpente Glykon da Tomis – dove il poeta latino Ovidio, in esilio, concluse i suoi giorni – raffigurazione in marmo di un “demone buono” capace di guarire da una misteriosa epidemia. E c’è il raffinato elmo d’oro di Cotofeneşti di manifattura tracia, con rappresentate diverse scene di sacrificio. E ancora un set da gioco, il tesoro gotico di Pietroasele del IV secolo d.C. con l’eccezionale phiale (coppa) d’oro lavorata a sbalzo e le grandi fibule, che ammicca a bracciali d’oro daci, alle collane incredibilmente contemporanee, alla tavoletta cerata con il contratto di lavoro stipulato nel 164 d.C tra il locatario Aurelio Adiutore, cittadino romano, e Memmio di Asclepio, di origine orientale. Una delle fonti più autorevoli sulle origini del “diritto del lavoro”.
E ancora armi, vasi, ceramiche, monete, gioielli e corredi per i riti di magia a far luce sulla religione, l’arte, l’artigianato, il commercio e la vita quotidiana dell’antica Dacia, l’attuale Romania, regione che cambiò per sempre il proprio destino una volta inclusa nel grande Impero romano. Le indagini archeologiche, condotte nel primo decennio del XXI secolo, hanno delineato un mondo favoloso, sebbene complesso, una sorta di California dell’antichità dove le gentes ex toto orbe romano venivano attratte dall’eterno fascino dei giacimenti auriferi attorno ai quali si svilupparono pian piano centri abitati, aree sacre, necropoli, spazi per la lavorazione dei materiali.Con oltre mille opere provenienti da 47 musei della Romania, oltre che dal Museo Nazionale di Storia della Repubblica di Moldova, per la prima volta mostrate accanto ad alcuni reperti del Museo Nazionale Romano, l’esposizione Dacia. L’ultima frontiera della Romanità porta fino al 21 aprile, al Museo Nazionale Romano, nelle Aule delle Terme di Diocleziano, la più grande e prestigiosa mostra di reperti archeologici organizzata dalla Romania all’estero negli ultimi decenni. Questo interessante viaggio di scoperta, a cura di Ernest Oberlander direttore del Museo Nazionale di Storia della Romania, e di Stéphane Verger direttore del Museo Nazionale Romano, invita a ripercorrere lo sviluppo storico e culturale del territorio nell’arco di oltre millecinquecento anni, dall’VIII secolo a.C. all’VIII d.C.

Il kit magico del I secolo d.C. rinvenuto in uno dei più importanti siti geto-dacici del Basso Danubio, con figurine dalle mani legate dietro la schiena, sepolte in anfore romane, sorprende accanto alla rappresentazione antropomorfa di una donna (forse una testa di divinità) parte di un inventario funerario principesco rinvenuto a nord del Danubio. In un allestimento che abbraccia quattro sezioni, ben scandite da un apparato didascalico non troppo esaustivo, prende forma un avvincente viaggio millenario dove l’evoluzione degli antenati geto-daci verso i popoli geti e daci lascia il posto alla trasformazione di una parte della Dacia in provincia romana, all’integrazione nel mondo romano, alla convivenza degli abitanti del territorio con le popolazioni migranti.

“La mostra sull’antica Dacia – ha detto il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano – ci ricorda il glorioso passato che ci lega alla Romania. L’Unione Europea non può reggersi solo su una architettura giuridica e sul mercato unico, che pure sono importantissimi, ma deve ritrovare e valorizzare le radici etiche, culturali e religiose comuni”.Se la prima sezione illustra la conquista del territorio all’epoca dell’imperatore Traiano (101-106 d.C.), evidenziando lo stretto legame e le analogie tra i reperti provenienti dai musei rumeni e quelli del Museo Nazionale Romano, la seconda tappa della mostra racconta la formazione della cultura dacica nell’età del Ferro con l’influsso dei Traci, degli Sciti e dei Greci delle colonie sul Mar Nero. Al confronto tra civiltà urbane mediterranee e civiltà tribali e nomadi continentali e all’inserimento della Dacia nelle reti culturali ellenistiche mediterranee, dell’epoca di Alessandro Magno, e continentali, con nuove popolazioni centro europee quali i Celti, i Geto-Traci, i Bastarni di origine germanica, è invece dedicata la terza sezione.

L’ultima tappa di questo percorso che assurge a un intreccio di culture assiste alla dissoluzione dell’Impero, tra confini insicuri, mescolanze, la presenza di popoli come gli Unni, mentre il potere di Roma si sposta a Oriente con Bisanzio. Il ruolo della cristianizzazione e la diffusione della lingua latina sono punti forti dell’eredità di Roma che preannunciano la nascita della Romania attuale.

Costo Biglietti:
1)Biglietto ordinario per l’accesso a una sola sede

Intero € 11
(+2 € di prevendita in caso di acquisto on line)
Ridotto € 5
(+2 euro di prevendita in caso di acquisto on line).
La riduzione è riservata ai cittadini italiani ed europei di età compresa tra i 18 e i 25 anni.
Aperture straordinarie e gratuite
25 aprile 2023: apertura straordinaria gratuita

1 maggio 2023: apertura straordinaria

2 giugno 2023: ingresso gratuito

Lunedì 14 e martedì 15 agosto 2023: apertura straordinaria

4 novembre 2023: ingresso gratuito

La prima domenica di ogni mese, l’ingresso nei Musei statali è gratuito

2)Biglietto combinato per l’accesso a tutte le sedi
Permette l’ingresso una volta in ciascuna delle sedi delle Terme di Diocleziano, Palazzo Massimo e Palazzo Altemps. Si ricorda che Crypta Balbi è temporaneamente chiusa al pubblico. Valido 1 settimana dal giorno dell’acquisto.

Intero € 15
(+2 euro di prevendita in caso di acquisto on line)
Ridotto € 11
(+2 euro di prevendita in caso di acquisto on line).
La riduzione è riservata ai cittadini italiani ed europei di età compresa tra i 18 e i 25 anni.

Aperture straordinarie e gratuite
25 aprile 2023: apertura straordinaria gratuita

1 maggio 2023: apertura straordinaria

2 giugno 2023: ingresso gratuito

Lunedì 14 e martedì 15 agosto 2023: apertura straordinaria

4 novembre 2023: ingresso gratuito

La prima domenica di ogni mese, l’ingresso nei Musei statali è gratuito
MNR Card
Permetterà l’accesso illimitato alle quattro sedi del Museo e sarà valida 1 anno dal giorno dell’acquisto;

MNR Card € 28
MNR Card ridotta € 18

    Tutti i prezzi, se non dettagliatamente specificato, sono al netto di eventuali diritti di prenotazione e commissioni di agenzia.

    20

    expiration date:  

    Terme di Diocleziano

    Chiedi disponibilità

    Condividi

    Ti suggeriamo anche:

    Torna in alto

    Numerose disponibilità di strutture in hotels, case per ferie e case religiose a prezzi estremamente competitivi per tutto l'anno.

    Contattateci!

    Avviso importante

    A seguito del primo periodo di adattamento alle novità e ai cambiamenti in vigore dal 1° gennaio, a fronte delle problematiche rilevate in questo primo periodo, si reiterano alcune disposizioni su cui, così come per tutte le altre, non sarà possibile applicare alcuna flessibilità.
    Ferme restando tutte le disposizioni precedenti, si ricorda in particolare che:
    1.Il biglietto di ingresso è valido solamente per il giorno e per l’orario indicato al momento dell’acquisto. Esso non è rimborsabile o modificabile.
    2.Il biglietto di ingresso acquistato online sarà nominativo. Per ogni titolo di ingresso acquistato sarà inviato un biglietto elettronico, valido per il passaggio ai tornelli senza necessità di cambio alle casse.
    3.Il giorno della visita, prima di entrare ai Musei Vaticani (ingresso da Viale Vaticano), ciascun visitatore dovrà presentare individualmente al personale di custodia in servizio al corridoio di ingresso, il proprio biglietto, in formato elettronico (formato PDF) o cartaceo insieme ad un documento di identità in corso di validità per l’opportuna verifica del nominativo. Il biglietto dovrà essere integro; non saranno quindi accettati biglietti elettronici o cartacei privi di una qualsiasi parte, anche minima, tagliati, o con parti cancellate o con eventuali aggiunte. Non verrà altresì accettato il solo codice a barre o codice QR privo del resto del biglietto.
    4.Tale biglietto dovrà essere validato individualmente da ciascun visitatore ai tornelli di ingresso. Non saranno accettate validazioni collettive o di gruppo.
    5.Il biglietto acquistato a tariffa ridotta, senza adeguato titolo giustificativo, sarà annullato e sarà necessario, ai fini dell’accesso, provvedere all’acquisto di un nuovo titolo a tariffa intera.
    6.Per le particolarità di gestione delle seguenti tipologie di visite, acquistabili dal nostro sito, permane l’invio del voucher con necessità di cambio in biglietto presso gli sportelli dedicati:
    o Visite guidate organizzate dai Musei Vaticani.
    o Visite didattiche.
    o Pellegrinaggi.
    o Visite di università.
    7.Si rinnova a tutti l’invito a rispettare scrupolosamente l’orario di ingresso e le modalità di accesso, con particolare attenzione al corridoio assegnato per tipologia di biglietto.
    8.In caso di acquisto di servizi aggiuntivi, il barcode relativo a tutti i servizi sarà presente su ciascun biglietto elettronico acquistato nell’ambito della stessa prenotazione. La validazione di uno dei barcode conferma l’utilizzo dei servizi acquistati nella loro totalità.

    Scopri come possiamo aiutarti a pianificare la tua vacanza a Roma

    Contattaci!

    Info servizi ed eventi per gruppi

    Richiesta informazioni sui nostri corsi

    Richiesta informazioni sui banner scuole