Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO

C5 per mille alla Coop. soc. Il Sogno
Corsi a Roma
Speed date a Roma
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. la guida online piu' completa di Roma
DOVE DORMIRE divisore TOURS DI ROMA divisore MOSTRE divisore MUSICA divisore TEATRI divisore VATICANO divisore VISITE GUIDATE divisore SPECIALE GRUPPI
spazio
visite_guidate in Roma - eventi visite_guidateivi calcio tennis rugby maratona tutto lo visite_guidate di roma e provincia
VISITE GUIDATE
Roma Sotterranea
Basilica Pagana di Porta Maggiore

Per prenotazioni :




 

Basilica sotterranea Pagana (o Neopitagorica) di Porta Maggiore: riapertura e visite guidate ogni 2° e 4° domenica del mese

Per info e prenotazioni
COOP. IL SOGNO
Viale R.Margherita, 192 00198 - Rome (Italy)
Ph. +39/0685301758 Fax +39/0685301756
Email: service@romeguide.it

VISITE GUIDATE

II e IV domenica del mese
Ore 10.00 e 12.00 per gruppi
Ore 11.00 individuali (massimo 6 persone)

Costo gruppo 40 euro + spese d'agenzia (turno); 130 euro + spese d'agenzia (visita).
Costo singoli 7,5 euro + spese d'agenzia

La Basilica pagana di Porta Maggiore custodisce gelosamente i suoi misteri, e fin dalla sua scoperta nel 1917 ha affascinato storici, archeologi, studiosi di storia dell’arte, architetti. Sarà svelata al pubblico attraverso visite guidate.
La Basilica si nasconde a circa 9 metri sotto il livello dell’attuale via Prenestina, ed è articolata in tre diversi ambienti:
-Il Dromos, che costituiva l’accesso dalla antica via Praenestina: è un lungo corridoio in pendenza che dalla superficie portava sottoterra fino agli ambienti della Basilica.
-Il Vestibolo, è un ingresso di m. 3,60 x 3,60 che conduce alla sala principale, ed è sormontato da una volta a skyphos con al centro un lucernario di forma particolare.
-La Sala basilicale di m. 12 x 9 per complessivi 108 metri quadrati, è suddivisa in tre navate coperte con volte a botte.

La navata centrale, più ampia rispetto alle navate laterali, presenta sul fondo un’abside semicircolare. All’interno del complesso si trova una preziosa decorazione che copre i pavimenti con una tessitura a mosaico bianco a fasce nere, mentre sulle pareti e sulle volte si alternano affreschi, che predominano nel Vestibolo, e stucchi figurati, preponderanti nell’aula basilicale. Sono rappresentate scene della mitologia classica, che raffigurano tra l’altro Saffo nell’atto di lanciarsi dalla rupe di Leucade, Ganimede rapito da un genio alato e il ratto di una delle figlie di Leucippo. Le indagini effettuate durante i restauri hanno svelato un complesso sistema di costruzione dell’edificio sotterraneo, suddiviso per fasi successive: scavo, riempimento e svuotamento delle terre.

Luogo di culto o edificio funerario? Il fascino di questa Basilica pagana nasce anche dalle diverse ipotesi fatte sul suo significato e sulla sua destinazione d’uso.
Per una interpretazione cultuale è Jerome Carcopino: lo storico francese attribuisce il complesso alle proprietà di quel Tito Statilio Tauro citato in giudizio per pratiche magiche da Agrippina, la madre di Nerone, e che per non subire l’onta del processo, si tolse la vita nel 53 d.C.. Tito Statilio Tauro avrebbe dunque fatto parte di una setta misterica, che fornì il pretesto alle accuse di magia, e Carcopino si spinge ad identificare la Basilica con la sede di un culto neopitagorico per la scelta del sito, per l’impianto planimetrico e per la decorazione.
Di diverso parere un altro storico, Gilles Sauron, che confermando la proprietà alla famiglia degli Statili, identifica l’edificio come la tomba di un altro Tito Statilio Tauro, vissuto trenta anni prima, collaboratore di Augusto e console nel 11 d.C. insieme a Marco Emilio Lepido.
I recenti restauri tuttavia hanno fatto ipotizzare due fasi nella vita della Basilica, una dell’età augustea e l’altra neroniana, che potrebbero essere riferite ai due personaggi omonimi della gens Statilia, e suggerire il cambio di uso del complesso nella prima metà del I secolo d. C..
I restauri hanno riguardato la statica dell’edificio, le infiltrazioni d’acqua, l’inquinamento biologico. A questo primo intervento è seguito il restauro del Dromos e del Vestibolo, dove potranno accedere le visite guidate: da qui i visitatori potranno contemplare la splendida Aula basilicale e sviluppo dei suoi restauri definitivi attualmente in corso.
P.le Labicano
Roma (Porta Maggiore)