Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 

Corsi estivi a Roma
 
Un'amore tutto da comprendere, sfogliando le pagine fino all'ultima!
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. la guida online piu' completa di Roma
HOTELS, B&B, ETC... divisore TOURS DI ROMA divisore MOSTRE divisore MUSICA divisore TEATRI divisore VATICANO divisore VISITE GUIDATE divisore VISITE GUIDATE divisore SPECIALE GRUPPI
spazio
Musei di Roma
Galleria Spada
Piazza Capo di Ferro 13
Tel.:
Come arrivare:
INFORMAZIONI GENERALI:

Museo:Galleria Spada
Tipologia: ARTISTICI
Indirizzo: Piazza Capo di Ferro 13
Visite Guidate: Richiedi Informazioni


ORARI
Da mercoledì a lunedì: ore 8.30-19.30.
Martedì chiuso
La biglietteria chiude alle ore 19.

Ogni prima domenica del mese l'ingresso è gratuito.

INGRESSO
Intero € 6.50 spese d'agenzia incluse
Ridotto Cittadini UE 18-25 anni € 5.00 spese d'agenzia incluse
Gratuito <18 anni

COME ARRIVARE
Bus: 64, 62, 40, 44, 46, 8, 628, 87, 81, 70, 492, 280, 271

Galleria Spada Galleria Spada Galleria Spada Galleria Spada Galleria Spada
Galleria Spada Galleria Spada Galleria Spada Galleria Spada

La Galleria Spada è ospitata nell'omonimo palazzo, che si trova in piazza Capo di Ferro a Roma. 
Il palazzo è famoso anche per la sua facciata, e per la falsa prospettiva del Borromini. 

La galleria espone pitture del XVI e XVII secolo. La maggior parte delle opere esposte proviene dalla collezione di Bernardino Spada (1594-1661) successivamente accresciuta di nuove acquisizioni ad opera del suo pronipote il cardinale Fabrizio Spada (1643-1717). Comprende dipinti (soprattutto del XVII secolo), sculture antiche, arredi e mobili d'epoca. 
Conserva opere di Guercino, Baciccia, Orazio Gentileschi, Guido Reni. 
Nel cortile si visita la celebre Galleria Prospettica realizzata dal Borromini. 
Un contributo minore ma di una certa rilevanza si deve alla passione collezionistica di Virginio Spada (1596-1662), mentre in seguito al matrimonio di Orazio Spada con l'ereditiera Maria Veralli nel 1636, entrarono a far parte della collezione numerose opere antiche e moderne di notevole importanza. 

La finta prospettiva del Borromini
Transitando nel cortile del Palazzo giungendo dall'ingresso principale, sulla sinistra si scorge, mediante un'apertura centrale sbarrata da un cancello in noce, la galleria con la prospettiva che si inoltra oltre il piccolo giardino di melangoli; la galleria si presenta nella sua forma attuale dopo gli ultimi restauri. 
La finta prospettiva è creata sull'illusione che la galleria sia lunga circa 35 metri, mentre in realtà è lunga 8,82 metri. 
L'illusione è dovuta al fatto che i piani convergono in un unico punto di fuga; così, mentre il soffitto scende dall'alto verso il basso, il pavimento mosaicato sale. 
Anticamente, sulla parete di fondo era disegnato un finto motivo vegetale che accentuava il senso prospettico. 
Attualmente sul fondale si trova il calco di una statuetta di guerriero di epoca romana. 

La galleria fu costruita in un solo anno, tra il 1652 e il 1653, da Borromini, aiutato dal Padre agostiniano Giovanni Maria da Bitonto. 
La Galleria è frutto dell'interesse di Bernardino Spada per la prospettiva e i giochi prospettici: egli probabilmente attribuiva a questa galleria il significato dell'inganno morale e dell'illusione delle grandezze terrene. 
Inizialmente la galleria presentava degli affreschi di Giovanni Battista Bagni, in seguito sostituiti da un colonnato. 

Le opere più importanti della Galleria sono:
Andrea del Sarto: Visitazione
Jan Brueghel il Vecchio: Paesaggio con mulini a vento
Michelangelo Cerquozzi: Rivolta de Masaniello
Giovan Battista Gaulli (il Baciccia): Trionfo del nome di Gesù
bozzetto per l'affresco del Gesù; Cristo e la samaritana
Artemisia Gentileschi: Santa Cecilia; Madonna col Bambino
Orazio Gentileschi: Davide con la testa di Golia
il Guercino:Morte di Didone e Ritratto del cardinale Bernardino Spada
Giovanni Lanfranco: Caino e Abele
il Mastelletta: Favole
Parmigianino (scuola): Tre teste
Passerotti: ritratti
Mattia Preti: Cristo tentato da Satana; Cristo e l'adultera
Guido Reni: Ritratto del cardinale Bernardino Spada; San Girolamo
Pietro Testa: Allegoria della Strage degli Innocenti
Tiziano: Ritratto di musico
Francesco Trevisani: Festino di Marcantonio e Cleopatra
Pieter van Laer (detto il Bamboccio): Burrasca; Notturno


MUSEI DI ROMA

 ARCHEOLOGICI
 ARTISTICI
 NATURALISTICI
 STORICI
 TECNICO SCIENTIFICI
 ALTRO


Ricerca un museo a Roma
Nome
Parola chiave