Agenzia DOLCI SOGNI by Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Autorizzato Prov. Roma R.U. 1333 del 02/04/2012
 
MODALITÁ DI PAGAMENTO

C5 per mille alla Coop. soc. Il Sogno
Corsi a Roma
Visite guidate con permesso speciale Roma
Corsi estivi a Roma
Visite guidate con permesso speciale Roma
Visite guidate serali animate con attori
 
 

. Romeguide - La guida di Roma  
  telefono 06.85301758 - fax 06.85301756 - EmailEmail: ilsogno@romeguide.it
Coop. soc. IL SOGNO arl - Viale Regina Margherita 192 - 00198 ROMA
. la guida online piu' completa di Roma
DOVE DORMIRE divisore TOURS DI ROMA divisore MOSTRE divisore MUSICA divisore TEATRI divisore VATICANO divisore VISITE GUIDATE divisore SPECIALE GRUPPI
spazio
MOSTRE
Ritratto di un Pianeta selvaggio
Museo Civico di Zoologia
dal 02-02-2019 al 24-02-2019
spazio

ORARIO INGRESSO

COSTO D´INGRESSO


RICHIESTA DISPONIBILITA'
Email :
Tel. (facoltativo)

*per avere anche conferma telefonica.
.
Data:
N. Pax
Richiedi altre informazioni

La prenotazione è soggetta a conferma

Call Center Coop. Soc. IL SOGNO a r.l.
Lunedì - Venerdì: ore 9-19
Sabato ore 10-14
Domenica chiuso


Ritratto di un Pianeta selvaggio: mostra fotografica di Simone Sbaraglia al Museo Civico di Zoologia dal 2 al 24 febbraio 2019.

Un progetto del fotografo naturalista Simone Sbaraglia che documenta le meraviglie naturali per cercare di preservarle dal cambiamento.

Attraversare il globo per documentarne le meraviglie naturali, con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica verso la bellezza e la fragilità del mondo naturale, rappresenta oggi un’urgenza non più rinviabile, anche perché andare alla ricerca dei rari attimi di bellezza e armonia è diventata impresa sempre più difficile.
Sono questi i motivi che hanno indotto Simone Sbaraglia, il fotografo che guarda gli animali negli occhi, a dare al suo progetto Ritratto di un Pianeta selvaggio il carattere della mutevolezza e del cambiamento, caratteristiche che rispecchiano lo stato attuale della natura del nostro Pianeta Terra.
Ritratto di un Pianeta selvaggio, la mostra di Simone Sbaraglia, nasce dunque come un progetto caratterizzato dalla mutevolezza, che rappresenta un mondo fragile, in rapidissimo cambiamento e che, altrettanto rapidamente, rischiamo di perdere.
Un progetto a tappe, che inizierà dal Museo Civico di Zoologia per poi ripartire dopo quattro settimane, girare l’Italia e sconfinare all’estero...

più informazioni>>

 

 

ORARIO INGRESSO

COSTO D´INGRESSO

 

Dal martedì alla domenica, ore 9.00-19.00 (ultimo ingresso ore 18.00)


DOVE SI TROVA:
COME ARRIVARE:

 

Intero non residenti 10.00 euro spese d'agenzia incluse

Il biglietto gratuito e/o ridotto non è acquistabile online, perché è necessario fornire idonea documentazione. Disponibile solo in biglietteria.

La visita alla mostra è inclusa nel biglietto di ingresso del museo



N.B.: Gli ingressi alle mostre - per non fare la fila - vanno pagati anticipatamente. Dopo il pagamento, verrà inviato biglietto elettronico o voucher

   Info Evento:

Un racconto che evolve e cambia con il progredire delle tappe nelle varie città, dando luogo a un ritratto del nostro Pianeta in costante evoluzione e cambiamento.

La mostra avrà una forte impronta multimediale caratterizzata da diversi video di backstage, un’intervista all’autore e diversi video tecnici.
Le stampe cambieranno di tappa in tappa con l’evolversi stesso del progetto e così anche il catalogo, che non assume la classica forma del libro, ma è costituito da una raccolta delle fotografie presenti in mostra che, come le immagini esposte, saranno diverse di città in città. Il tutto sarà costantemente raccontato nel sito del progetto: www.ritrattodiunpianetaselvaggio.it.

Simone Sbaraglia, FUJIFILM ITALIA Ambassador X-Photographer, ha dedicato più di tre anni a questo progetto girando il mondo per scovare i luoghi e le specie che ancora resistono e che ancora sono in grado di regalarci quelle emozioni che solo il contatto con la natura incontaminata può donare. Raccontarne la bellezza è sempre stata per l’artista una priorità e lo è ancor di più oggi, epoca in cui purtroppo stiamo perdendo moltissimi di quei paradisi selvaggi.
Meno info